Per Appuntamenti: 340.5295109 - 06.8608642

Via Valpolicella, 19 - ROMA Guarda la Mappa

Prevenzione e Igiene

Prevenzione e Igiene

Le migliori cure odontoiatriche sono la Prevenzione e l’Igiene Orale.

Per Igiene Orale si intende quell’insieme di  pratiche, domiciliari (IOD) e professionali (IOP), che garantiscono un livello di igiene compatibile con la salute orale.

Oltre ad una quotidiana e accurata Igiene Orale Domiciliare (lavare i denti, usare il filo interdentale, etc…)  è bene praticare anche l’Igiene Orale Professionale. Con questa definizione si comprendono tutte quelle manovre praticate dal professionista al fine di eliminare tutti i residui accumulatisi nel tempo in seguito all’impossibilità delle manovre di Igiene Orale Domiciliare di essere efficaci in modo assoluto. Ovviamente se a questo aggiungiamo una IOD insufficiente sia in senso qualitativo che quantitativo, la condizione di igiene orale non potrà che essere inadeguata al mantenimento di un livello di salute orale idoneo.

Le manovre di IOP sono diverse:

  • ablazione del tartaro: rimozione del tartaro sopra-gengivale;
  • polish: lucidatura delle superfici dentarie mediante pasta da profilassi;
  • levigatura radicolare: rimozione del tartaro sub-gengivale a livello delle tasche parodontali, previa anestesia locale;
  • levigatura radicolare a cielo aperto: analoga alla precedente previo scostamento della gengiva dei piani ossei sottostanti. Questa pratica si rende necessaria qualora le tasche parodontali raggiungano una profondità tale da impedirne una completa pulizia con le metodiche precedenti.

 

L’Igiene Orale Professionale dà anche l’opportunità di sviluppare anche gli altri livelli di Prevenzione:

  1. Controllo delle possibili cause di una malattia, per evitare che si presenti.
  2. Individuazione del danno precocemente, tanto da renderlo reversibile. Si attua attraverso visite periodiche, nel corso delle quali l’odontoiatra potrà rilevare una gengivite iniziale, una carie nei primi stadi di sviluppo oppure un morso crociato che influenza negativamente la crescita dei mascellari e lo sviluppo della dentizione. Sottoponendosi a blande terapie e prescrizioni quando la malattia è allo stadio iniziale è possibile guarire la gengivite, arrestare la carie e far riprendere una crescita equilibrata ai denti e ai mascellari.
  3. Intervento terapeutico mirato a limitare il danno ormai provocato, ovvero la cura di carie dentarie più o meno estese e di parodontopatie. L’odontoiatra, in questi casi, pur non potendo garantire la completa restituzione dell’organo colpito guarisce comunque la malattia in atto, arrestandone la progressione che renderebbe le cure più complesse o addirittura inefficaci.